Questo sito o i servizi terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

  • info@qsinfor.it

  • +39 0521 944592

Autodesk Forum Milano

Contenuti tecnici, case history di successo e testimonianze ispiranti si sono susseguite sul palco del primo Autodesk Forum italiano, che si è svolto a Milano il 26 ottobre scorso. La forte componente innovativa era chiara già dal titolo – The Future of Making Things – ovvero: Progettiamo il Futuro. Un futuro - quello che tecnici, esperti e maker hanno delineato nel corso della giornata – sempre più connesso, dove diventeranno indispensabili l’interazione tra le figure professionali, l’integrazione tra le discipline e i reparti e l’approccio multidisciplinare a ogni tipo di problematica.

Ecco allora che diventa centrale la conoscenza e l’utilizzo del Cloud, uno spazio virtuale da cui l’intero team può attingere o dove depositare informazioni, commenti, richieste, anche a migliaia di chilometri di distanza. Non solo, il Cloud può diventare lo spazio ideale per il dialogo tra tecnici, commerciali e clienti che diventano così parte integrante del processo di ideazione, progettazione e produzione di ciò che stanno per acquistare.

Anche virtual e augmented reality – innovazioni tecnologiche che arrivano dal mondo del gaming – stanno entrando a pieno titolo tra le tecnologie indispensabili per l’industria 4.0 e vengono utilizzate per il design immersivo e l’analisi degli oggetti.

Ancora, dalle testimonianze di importanti realtà del settore manufacturing, sono emerse le potenzialità dell’additive manufacturing, sia per la produzione che per la prototipazione, ma anche il ruolo chiave dei software di ultima generazione in fase produttiva, per massimizzare l’efficienza e – di conseguenza – i margini di profitto.

Lo ha detto chiaramente Daniele Maino, general manager Mould Division di IMS Deltamatic: «La sfida da vincere è quella di acquisire commesse a elevato valore aggiunto; quella del prezzo non è più una leva da utilizzare nei confronti del cliente, che deve sceglierci perché siamo in grado di garantire puntualità, qualità e servizio. Per farlo è ormai inevitabile investire in tecnologia oltre che nelle risorse umane».

In questa frase si riassume perfettamente il concetto di Future of Making Things: il ciclo di vita tradizionale del prodotto lineare e fatto di step perfettamente separati tra loro viene rivoluzionato dalle nuove tecnologie che permettono di portare il cliente e le sue esigenze al centro del processo produttivo.

Future of Making Things